Estro-Verso
ATTENZIONE, REGISTRAZIONI SOSPESE:
Questo forum non è più attivo ed è stato conservato su richiesta di molti utenti. Il nuovo forum è all'indirizzo: http://artist.forumattivo.it
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Sondaggio
Statistiche
Abbiamo 119 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Ninone40

I nostri membri hanno inviato un totale di 1943 messaggi in 722 argomenti
Ultimi argomenti
» Destini incrociati
Mer Nov 07, 2012 7:43 am Da Ninone40

» La casa di Paolo
Mar Gen 03, 2012 1:39 pm Da luisanne

» ¿QUÉ SOY? (Cosa sono?)
Sab Nov 05, 2011 10:37 pm Da Marinella

» KULTURA WEB TV :POESIA E-LETTA TUTTI I VENERDI SERA
Ven Ott 14, 2011 10:51 am Da SuZanne

» AGENDA DEGLI ARTISTI 2012
Ven Ott 14, 2011 10:42 am Da SuZanne

» "Controsensi economici" 06-10-11
Gio Ott 06, 2011 1:51 pm Da Carlo

» 22-09-2011 “Rispetto ?”
Gio Set 22, 2011 4:09 pm Da Carlo

» "Figli dell'Argilla" 01/09/2011
Ven Set 02, 2011 9:16 am Da Carlo

» mi dovrò ripresentare penso
Sab Ago 06, 2011 12:05 am Da bounty

Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Parole chiave

Contatore visite

ONLINE COUNTER

VISITOR COUNTER

Musica Classica

Saggi su letteratura e censura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Saggi su letteratura e censura

Messaggio Da alberto il Lun Mag 31, 2010 9:29 pm

La scrittura e il suo doppio etico. Leggere la cenere.
Saggi su letteratura e censura, a cura di Roberto Francavilla, Roma, Artemide, 2009
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Bisogna stare molto attenti quando si parla di censura. Scrivere è sempre un atto pericoloso per il Potere. Lo rileva anche Leo Strauss in uno dei suoi libri (Scrittura e persecuzione, trad. it. e cura di Giuliano Ferrara, Venezia, Marsilio, 1990) più trascurati dagli studiosi di filosofia politica quando analizza il modo tenuto da molti autori in odore di eresia o di critica al potere politico per evitare le ritorsioni o la vendetta (fisica e morale) di coloro i quali li considerano a ragione i propri più acerrimi nemici. Come salvare la vita e non finire sul rogo (come Giordano Bruno) o in carcere (come Ugo Grozio o Denis Diderot)? La strategia della scrittura trasgressiva in tempi di censura comporta una prudenza nell’argomentazione e una sorta di copertura nella finalità dimostrativa che la critica letteraria può individuare ma che la censura non sempre scopre e punisce.

Quello che, però, di solito, rimane delle azioni censorie più radicali è la cenere delle opere mandate al rogo e bruciate con l’intento di produrre una damnatio memoriae dei loro autori. Censura, tuttavia, non vuole dire (solo) totalitarismo o dittatura o fascismi o assenza di democrazia.

Scrive Roberto Francavilla nell’Introduzione a questo volume che raccoglie gli Atti di due giornate di studio su Letteratura e censura tenute nel febbraio 2008 ad opera di un nutrito gruppo di studiosi e autori letterari:

«Per cominciare, è necessario fugare ogni ombra di dubbio: l’intervento della censura, oltre a essere difficilmente ostacolabile, e spesso troppo ben camuffato per poter essere immediatamente individuato, non è, come normalmente si è portati a credere, specifica prerogativa della dimensione più strettamente totalitaria del potere. Certo, una serie di avvenimenti che la Storia ha impresso in maniera indelebile nella galleria della nostra memoria hanno legato il controllo censorio espresso da regimi tirannici – politici o religiosi – alla sopraffazione, alla lesione dei diritti di pensiero ed espressione, alla distruzione sistematica del libro. La storia del libro è illuminata dai sinistri bagliori lanciati da fiamme. San Paolo, mentre battezza gli abitanti di Efeso (Atti degli Apostoli, IX, 9) considera beati gli uomini che si sono liberati della magia e hanno gettato i libri nel fuoco, sulla pubblica piazza.

Nulla sembra più definitivo, agli occhi del censore, della veloce combustione delle pagine che si accartocciano su se stesse trasformandosi in cenere. Dal rogo della biblioteca di Tebe decretato dal faraone Akhenaton per preservare il monoteismo fino al rituale nazista affidato al fanatismo degli studenti e officiato nel 1933, sulle piazze tedesche, contro ogni pubblicazione che, secondo i dettami di un ideale abietto, veniva dichiara “degenerata”, dalla biblioteca maya consegnata alle fiamme dai vescovi spagnoli nel Cinquecento dei conquistadores fino al fuoco appiccato al cospetto di conniventi osservatori internazionali che nel 2004 ha ridotto in cenere la Biblioteca coranica di Baghdad» (p. 7).

Si tratta di fenomeni tutti aberranti avvenute in epoche ben lontane nel tempo ma confluenti tutti nell’aspirazione a mettere a tacere l’avversario o l’eretico riducendolo in mucchi di ceneri portate poi via dal vento e non più capaci di ricongiungersi in corpi umani e/o in corpora scientifici, letterari, filosofici, spirituali. Il rogo dei libri precede la trasformazione degli uomini in esseri tutti uguali, ben inquadrati, organizzati sotto i vessilli del Potere (è quello che accade agli abitanti di un futuro non poi ancora tanto remoto e descritti con ferocia e stupore da Ray Bradbury in Fahrenheit 451).

Bruciare i libri prima proibiti ed esecrati significa cancellare ogni capacità di dissenso e di impedire “a coloro che verranno” di riuscire ad ottenere un sapere critico e non vincolato alle parole d’ordine dei potenti e dei vincitori. Nei venti testi che compongono questo volume (19 più l’Introduzione di Francavilla) vengono esplorati mondi e universi di discorso unificati tutti da un rapporto più o meno strisciante, più o meno aperto tra letteratura e censura e le pratiche esperite da quest’ultima.
Come scrive Antonio Prete nel suo Letteratura e censura. Qualche passaggio in una riflessione incompiuta : “Eludere la censura. Un’occupazione assidua – per secoli – di poeti e scrittori e filosofi e saggisti. Tra le tante vie, ricordiamone due: la via del mascheramento, la via dell’altrove. La prima spesso ricorre al genere per nascondersi e insieme mostrarsi: travestimento nella leggerezza di un genere che si presenta ...
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

alberto

Messaggi : 138
Data d'iscrizione : 13.05.10
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum